Skip to main content

Pirchei Shoshanim, in qualità di sostenitore dei Cappellani militari, assume la posizione secondo la loro dottrina religiosa secondo cui tutti i Cappellani che sono approvati da Pirchei Shoshanim non possono essere obbligati o ordinati a prendere il vaccino COVID-19.

Pirchei Shoshanim che rappresenta la fede ebraica è nettamente diverso dal JWB o più comunemente noto al Jewish Welfare Board. Un membro di quel gruppo chiamato RCA noto anche come Consiglio rabbinico d’America, ha recentemente comunicato la sua posizione su COVID-19 a uno dei capi dei cappellani che “considerano un peccato non ricevere un vaccino che ti salverebbe la vita e quello degli altri». In questa lettera si afferma che “il Consiglio rabbinico d’America è il gruppo rabbinico ortodosso più grande e più importante negli Stati Uniti”. Forse questo potrebbe essere stato il caso 70 anni fa dopo la seconda guerra mondiale, che oggi è oggetto di un ampio dibattito, sia nelle dimensioni che nella dottrina religiosa.

Oggi, Pirchei Shoshanim è l’istituzione in più rapida crescita di Ordinatore Rabbinico dei Rabbini nel mondo. La dottrina religiosa della RCA è molto diversa da quella di Pirchei Shoshanim.


Più di 70 anni fa il Consiglio dei Saggi della Torah, che fornisce linee guida per osservare la vita e le pratiche ebraiche della Torah. In una lettera firmata da 11 dei capi delle più importanti istituzioni della Torah dell’epoca proclamava e proibiva categoricamente che i gruppi ortodossi non dovevano appartenere o affiliarsi in alcun modo a organizzazioni come il Synagogue Council of America che includeva membri di entrambi i Reform e movimenti conservatori. La RCA, tuttavia, ha sfidato quel decreto associandosi sia al movimento riformato che a quello conservatore sotto lo stendardo denominato oggi Jewish Welfare Board, guidato da qualcuno che non è un ebreo ortodosso osservante.

Quella lettera era firmata da Rav Avarham Joffen, Rav Avraham Kalmnanovitz, Rav Aharon Kotler, Rav Gedalia Schorr, Rav David Lifshitz, Rav Chaim Mordechai Katz, Rav Yaakov Kamenetsky, Rav Yaakov Ruderman, Rav Yitzchak Fetner, Rav Zaks Menachem e Rav Yosheestein. . La lettera continuava dicendo che “Abbiamo stabilito che è proibito dalla legge della nostra sacra Torah partecipare con loro sia come individuo che come corpo organizzato”.

La posizione di Pirchei Shoshanim è che è impossibile comprendere come i rabbini ortodossi membri della RCA che hanno trascorso i loro migliori anni nelle yeshivos [Seminari di apprendimento della Torah] assorbiti nello spirito della Legge orale e della sua tradizione basata sugli insegnamenti di Saggi ebrei come poiché coloro che hanno firmato quella lettera, che sono i pilastri su cui poggia il loro mondo spirituale, possono unirsi a leader [come il capo del JWB] per i quali tutto questo è inutile. La differenza fondamentale nell’ideologia e nell’osservanza rende impossibile tale unità. Pirchei Shoshanim ha fatto sapere alla RCA che dovrebbero separarsi dalla JWB poiché la RCA ha il proprio status di approvazione così come Pirchei Shoshanim.

La posizione della RCA non può mai essere quella di un portavoce dell’impostazione della dottrina per una maggiore TORAH OSSERVANTE GIUDAISMO. Questa è l’impressione completamente opposta che è stata data al Capo dei Cappellani che non essendo ebreo non aveva modo di sapere che ciò che gli veniva detto era autentico o meno. Notiamo debitamente che il Capo dei Cappellani a suo merito ha anche preso atto del fatto che potrebbero esserci posizioni più severe oltre a quella del JWB, che speriamo rendano ora profetiche le sue parole.

I nostri consulenti medici hanno informato Pirchei Shoshanim che è un fatto noto che ci sono molti rischi per la salute associati a questi vaccini. Nessuno dovrebbe essere costretto a rientrare in questa categoria di rischio e soffrire di coaguli di sangue, problemi cardiaci, inclusa l’infiammazione del muscolo della parete cardiaca e molti problemi neurologici.

Queste vaccinazioni sono state una terapia genica sperimentale. Ancora troppo nuovo e non testato adeguatamente per anni come lo erano altri vaccini.

Molte persone che hanno ricevuto l’iniezione soffrono di una paralisi post-iniezione. Questo è uno dei motivi principali per cui le persone saltano il secondo colpo. La paralisi atipica da colpo include l’incapacità di muovere gli arti, e questo può includere anche una grave debolezza primaria dopo il colpo, indicata come mielite trasversa. La vittima rimane paralizzata dal livello del midollo spinale e al di sotto. Questo è in pericolo di vita e irreversibile. Non possiamo rischiare la vita del nostro cappellano con questa debolezza e costringerlo a vivere su una sedia a rotelle come un paraplegico e uno storpio completo.

Molti di coloro che hanno ricevuto il vaccino hanno avuto sintomi multipli, tra cui fuoco di Sant’Antonio, attacchi ischemici transitori (mini ictus), incidenti vascolari cerebrali completi (ictus gravi) entro poche ore dalla vaccinazione COVID-19.

Alcuni hanno la paralisi dal collo in giù la mattina dopo lo sparo. Il loro sistema immunitario viene compromesso e perdono la capacità di combattere le malattie. Non possiamo esporre i nostri cappellani ai rischi di malattie del sangue, in particolare micro coaguli di sangue che si formano nel corpo e si trasformano e crescono in coaguli di sangue a grandezza naturale, escrescenze di sangue, cisti e tumori. Quando questi coaguli si liberano dai loro siti, corrono il rischio che si depositino nel cuore, nel cervello o nei polmoni, causando la morte improvvisa.

Ci sono casi noti dopo il vaccino, di persone che sviluppano disturbi piastrinici, in cui i loro stessi corpi iniziano ad attaccare le loro piastrine nel sangue, una condizione nota come trombocitopenia.


I nostri cappellani non possono rischiare la vita e sviluppare questa condizione. Ci sono vittime del colpo Pfizer che hanno sviluppato la sindrome di Guillian Barre, una malattia che colpisce il sistema nervoso centrale e paralizza non solo i nervi, ma anche i muscoli del polmone e del cuore. E ci sono quelli che hanno sviluppato encefalomielite, infiammazioni nel cervello, annebbiamento del cervello, miocardite, infiammazione della parete cardiaca e disturbo polmonare ostruttivo cronico e non possono più respirare normalmente, compresi i disturbi della vista.

Molte persone che hanno ricevuto l’iniezione hanno un’anafilassi immediata, una reazione di avvelenamento e vanno in shock tossico. È noto che in questo scatto vengono utilizzate diverse sostanze tossiche e i nostri cappellani testimonial non dovrebbero mai assoggettarsi a questo.


Altri sviluppano la paralisi di Bell, una paralisi e un’infiammazione dei nervi del viso e non possono parlare per quasi un anno, con i muscoli del viso abbassati e non possono mangiare, parlare, masticare o deglutire.

L’attività convulsiva è un effetto collaterale grave molto pronunciato. Dopo aver ricevuto il vaccino, molte persone hanno sviluppato convulsioni e tremano continuamente in modo incontrollabile. Molte vittime hanno riferito di non essersi mai riprese da questo. Erano normali prima dello sparo, e sono diventati completamente neurologici con convulsioni tremanti che sono inarrestabili.

I nostri cappellani non possono essere soggetti a questo. Ci sono svenimenti e vertigini che durano per periodi molto lunghi. I nostri cappellani danno il loro cuore e la loro anima al servizio dei militari e soprattutto non possono correre il rischio di sviluppare coaguli di sangue a causa del colpo e di subire una morte precipitosa per questo.

Ci sono state migliaia di morti in tutto il mondo, in questo paese e in altri paesi, a causa di questi vaccini. È troppo rischioso per i cappellani. Infine, c’è un ingrediente nel vaccino, un enzima suino che agisce come conservante che è considerato non kosher e non può essere messo nel corpo di un cappellano religioso, comprese quelle vaccinazioni che vengono prodotte utilizzando cellule derivate da feti umani. Questo è un fatto noto e anche i musulmani e le popolazioni indiane che osservano halal potrebbero non iniettarlo nei loro corpi.


Grazie per aver accettato questa supplica per i nostri cappellani. Secondo la Torah e la legge biblica, non possono fare nulla ai loro corpi che possa essere un rischio per la loro salute e la loro causa, Dio non voglia la morte e la debolezza.

Rabbi Fishel Todd