Skip to main content

Le perle della vita riporta le parole di Rabbi Avigdor Miller su Quali dovrebbero essere i nostri pensieri su Erev Yom Kippur. Rabbi Miller insegna che È molto importante che ti venga in mente che Yom Kippur, il giorno stesso, è mechaper. Un ebreo che dice che Yom Kippur non realizza nulla, quindi Yom Kippur non è mechaper; non espia per lui. E a proposito, questa è una grande preoccupazione per molti di noi; anche molti pii ebrei non sono riusciti a imparare la lezione. Yom Kippur, il giorno di Yom Kippur, cancella i tuoi peccati se fai teshuvah. Ogni secondo di quel giorno glorioso, anche quando stai dormendo, sta scomparendo; sta cancellando, sta purificando la tua anima dai peccati se fai teshuvah. Ma se non ci credi; se le persone pensano che sia solo il mio pentimento a cancellare i peccati, allora non avranno Yom Kippur. Supponiamo che una persona faccia teshuvah con tutto il suo cuore, ma non crede che Yom Kippur possa aiutare, allora Yom Kippur non aiuterà.


È lo stesso di Olam Haboh. כל ישראל יש להם חלק לעולם הבא – Tutti gli ebrei hanno una parte nel mondo a venire, ואלו שאין להם חלק לעולם הבא – ma questi perdono la loro parte: האומר אין תחיית המתים מין התורה – se non crede nella techiyas hameisim. Oh, non ci credi? Quindi non lo otterrai.


Quindi quindi tutti gli ebrei illuminati, tutti gli ortodossi moderni che non credono in Olam Haboh non lo capiranno. Alcuni ortodossi moderni non credono in Olam Haboh. Una volta ho sentito parlare il presidente del National Mizrachi of America. Ha detto che Olam Haboh significa il futuro della nazione ebraica; questo è il mondo che verrà. L’ha detto in pubblico! Era nel Massachusetts. Non era New York City, quindi pensava di farla franca. Ma ora le sue parole stanno riecheggiando proprio qui a Brooklyn. Olam Haboh e Yom Kippur – se non ci credi letteralmente, non li avrai. Adattato da TAPE #16 (settembre 1973).


Il rabbino Miller continua a chiedere Cosa dovremmo pensare su motza’ei Yom Kippur? Il Rav risponde che Al motza’ei Yom Kippur la prima cosa è dire: “Hashem, quanto è buono da mangiare! È così divertente da mangiare!” E sono serio su questo. “Boruch Hashem, quanto è buono il cibo! Quanto è buono un bicchiere d’acqua!” Tutto l’anno te ne dimentichi, ed è un peccato. È un peccato. Il cibo è molto buono. L’acqua è molto buona. Quindi questa è la prima lezione di motza’ei Yom Kippur. E assicurati di non perdere quella lezione. “Ah! Boruch Hashem per il cibo! הזן את העולם כולו – Stai nutrendo il mondo intero!” E poi inizi a contare. Dopo Yom Kippur inizi a contare i giorni. “Aspetto; ieri era lo Yom Kippur, e ora è un giorno diverso. Non è più il decimo giorno del mese. Ora sono trascorsi undici giorni dall’inizio dell’anno. Undici giorni! Undici giorni e sono ancora vivo! oh! Boruch Hashem! Boruch Hashem!” Ci pensi mai? Bene, è meglio che lo pensi. E poi il dodicesimo giorno. E il tredicesimo giorno. E così su motza’ei Yom Kippur devi pensare: “Boruch Hashem! Sono stato in grado di vivere attraverso Yom Kippur! Boruch Hashem, sono ancora in giro”. E quindi il grande servizio di apprezzare ciò che Hashem fa per noi è una delle cose più importanti che puoi fare in questo mondo. Adattato da TAPE# E-201 (settembre 1999) di Yeshiva Pirchei Shoshanim