Rabbino Shlomo ben R. Moshe & Rachel Lankry zt”l Sanctuary

הרב שלמה בן ר משה ורחל לענקרי

Il nostro edificio è dedicato in onore del rabbino Shlomo ben R. Moshe e Rachel Lankry, , zt”l della Congregazione Mishkan Shlomo, Brooklyn, New York. Rabbi Lankry è nato in Marocco e in gioventù ha imparato nella yeshiva di Harav Moshe Schneider, zt”l, a Londra. Tornò poi a Meknes, in Marocco, e insegnò la Torah nella yeshiva locale. Su richiesta di Harav Avraham Kalmanowitz, zt”l, la Rosh Yeshiva di Mirrer Yeshiva a Brooklyn, il rabbino Lankry emigrò negli Stati Uniti per creare istituzioni della Torah per gli ebrei marocchini che si erano trasferiti a New York. Il rabbino Lankry aveva una natura umile e senza pretese e intraprese molti progetti senza prendersi il merito del loro successo finale. La sua casa era sempre brulicante di ospiti, dove venivano accolti a braccia aperte e con un sincero desiderio di aiutare. Rav Lankry è arrivato in America come un uomo appena sposato con due bambini piccoli. Era molto vicino alla Mirrer Yeshiva e alla sua Roshei Yeshiva. Ha trascorso molto tempo con un gruppo di Bochrim marocchini che erano stati portati dal Marocco al Mirrer Yeshiva di Brooklyn dal venerabile Rosh Yeshiva, Hagaon HaRav Avraham Kalmanowitz ZATZAL. È stato uno dei fondatori e leader della Chevra Kaddisha per la comunità sefardita, dove ha dato la sua vita disinteressatamente per più di 50 anni. Per molti anni ha posseduto un negozio Seforim sulla Kings Highway vicino a East 7th Street chiamato “Si-Su”, mentre sua moglie possedeva un’attività di catering a Flatbush. Sua moglie è stata la cuoca per decenni ogni estate a Camp Agudah, nonché cuoca nella Mirrer Yeshiva per molti anni. Il Niftar costruì uno Shul circa 30 anni fa sulla East 7th Street – a poche case di distanza dalla Mirrer Yeshiva – dove guidò una bellissima Kehillah per lo Yidden marocchino, così come un Kollel che imparava la Torah. È stato un incredibile Baal Chesed, che ha fatto le cose in silenzio senza fanfara per molti anni.

 

Mondolfo (מונדולפו)

Provincia di Pesaro. Sorto attorno ad un castello bizantino, appartenne agli Ubaldini (XII secolo), ai Malatesta e solo con L’Albornoz (metà XIV secolo) tornò sotto la Santa Sede.

Da un documento del 1626 relativo alle tasse che dovevano pagare gli ebrei residenti nel ducato di Urbino, si apprende che abitavano a M. Laudadio ed i fratelli, detentori del banco, e Viola del fu Isacuccio[1].

Bibliografia

[1] Luzzatto, G., I banchieri ebrei in Urbino nell’età ducale, Padova 1903. p. 58.

“Giornata della Memoria Mondolfese” 2020: il 3 aprile, ore 21, diretta Facebook

 Link Articolo : Comune di Mondolfo

Download PDF